Challenge Roma 2018 ( di Vito Mantrone )

 

Si è svolto il 15 Aprile 2018 il Challenge Roma 2018, gara sulla distanza del triathlon medio:  1900 m di nuoto, 90 km di bici e 21,1 di corsa, più conosciuto come mezzo Ironman.
Le condizioni meteo non erano tipiche di una giornata primaverile con vento piuttosto forte da ovest cielo coperto e qualche goccia di pioggia e sabbia.

2  4

Le partenze erano suddivise in 3 batterie: pro’, 2 da 250 atleti a seguire per un totale di circa 600 partecipanti.
Anche il mare aveva correnti che costringevano a tenere sempre bene la rotta su di un circuito a rettangolo, all’uscita del porto turistico di Roma, Ostia.

3  8

5_1  1

All’uscita della frazione nuoto bisognava salire una scalinata che portava sul terrazzo dei locali commerciali del porto, adibito a zona cambio; tolta la muta e presa la bici si scendeva da una rampa piuttosto ripida e cominciava la frazione bici dominata dal vento sul litorale romano, verso la riserva Castel Porziano direzione Pomezia, per un circuito ad “L” da ripetere 3 volte; ad ogni giro c’era una bella borraccia di semplice acqua potabile, senza nient’altro. Il fondo stradale ha mietuto diversi ritiri causa forature degli atleti. Non erano presenti rilevatori di giri elettronici nè manuali. Finito il circuito (che è risultato poi più corto del previsto) si rientrava ad Ostia per l’ultima fase, la corsa.
Quest’ultima si svolgeva sempre in multi lap (3 giri) ma questa volta il controllo era il classico braccialetto elastico da mettere al polso al compimento di ogni giro: anche qui acqua tiepida a volontà e stavolta anche bicchieri della nota bevanda energizzante: per i più esigenti anche mezza banana o qualche biscottino. I giri erano in parte nel bellissimo porto turistico di Roma, parte nel litorale esterno, in più zone insabbiato causa mareggiate (come anche riportato sui tg nazionali) rendendo il circuito simile ad un trail. Alla fine, arriva il traguardo.
Questo lo svolgimento e l’organizzazione!

7 6

Se dovessi commentare direi che in fin dei conti va bene così, l’importante è essere rientrato a casa sano e salvo… e con una bella differenza di tempo rispetto all’anno precedente su una gara simile, a giustificare tutte le ore passate ad allenarsi, con l’obiettivo di crescere sempre spostando il traguardo sempre un po’ più avanti del solito, non per eterna insoddisfazione ma per il fatto che quando ti piace il gioco, come un bambino sulla giostra, anche tu non vuoi mai smettere!

Vito Mantrone

One thought on “Challenge Roma 2018 ( di Vito Mantrone )

Lascia un commento