Raduno giovanile a Giovinazzo

Si è svolto regolarmente il raduno riservato alle categorie Esordienti e Ragazzi di Puglia e Basilicata in programma a Giovinazzo.

Organizzato dai Referenti Giovanili del Comitato pugliese è stato il primo evento collegiale del 2017 ed è stato volutamente riservato ai giovanissimi in visione programmatica pluriennale, per evidenziare lo stato attuale in queste fondamentali categorie come numeri e come livello di partenza e verificare soprattutto il lavoro di reclutamento avviato dalle società.

Una dozzina gli atleti presenti a dimostrazione che vi è molto da lavorare per infoltire le categorie interessate, le uniche che, con una programmazione mirata e con un metodo adeguato, potrebbero innalzare ancora più il livello competitivo dei nostri atleti. Un ringraziamento particolare alla direzione del centro Netium di Giovinazzo per aver ospitato le sedute di allenamento e alle società Nuoto Giovinazzo, Triathlon Taranto e All Tri Sport Barletta per aver sacrificato la domenica in famiglia per far partecipare i piccoli atleti a una occasione che, oltre al la componente motoria, ha importanti risvolti sociali per il particolare rapporto che si crea tra i ragazzi di diverse squadre, elemento che nei precedenti quattro anni ha contribuito ai successi numerici del triathlon pugliese.

E grazie ai tecnici presenti Fabio Leoni e Antonello Mastrofilippo che hanno preparato il raduno con non poche difficoltà, tra i tecnici presenti anche se solo come osservatore Domenico Ruggieri in qualità di RGT Puglia. Ci si augurava la presenza di un numero maggiore di tecnici, anche in assenza di atleti da portare al raduno, come osservatori del lavoro tecnico impostato per la corsa e per il nuoto, calibrato sull’età dei giovani e sulle loro particolari caratteristiche tecniche. Alle volte anche in queste occasioni che paiono meno importanti si può incrementare il proprio bagaglio tecnico, osservando esercizi, DSC_0019circuiti, stazioni, ambienti di lavoro, organizzazione dei contenuti e svolgimento delle attività, per imparare a riconoscere le specificità dei movimenti, gli errori e le modalità di correzione applicate… sarà per le prossime occasioni.

Il lavoro sul campo ha previsto una prima parte durata poco oltre un’ora, con un breve riscaldamento, l’esecuzione di esercitazioni tecniche della corsa, andature tecniche e mobilità in forma analitiche, in seguito una serie di esercitazioni con piccoli attrezzi disposti in sequenze logiche con la costruzione di un percorso ripetuto in diverse modalità tanto da stimolare anche le componenti energetiche e corsa semplice. La particolare location ha consentito di sfruttare appieno, per esercitazioni e percorso, alcuni cambi di pendenza e diverse tipologie di superficie.

DSC_0038

Dopo un breve pausa il gruppo si è trasferito in piscina dove sono stati proposti esercizi tecnici per coloro che non hanno un’ottima padronanza del gesto e di maggiore impegno metabolico per coloro che svolgono attività agonistica in piscina. Un’ora di impegno per i due gruppi e doccia meritata con i complimenti dei tecnici per l’impegno evidenziato e dei tanti genitori presenti che hanno apprezzato l’organizzazione e l’iniziativa.

Dopo un briefing finale riassuntivo degli elementi emersi i saluti e il rinvio a una prossima occasione per ritrovarsi insieme e sudare in compagnia.

Lascia un commento