Campionato Italiano Assoluto Swim Run

10/09/2016 Grado to Lignano (AquaticRunner)

 

E’ una disciplina molto diffusa in Nord Europa tra quelle estreme di endurance, si nuota quando si incontra l’acqua, si corre quando si incontra la terra ferma, il tutto senza mai cambiare equipaggiamento (si nuota con le scarpe).

dsc_160910_072459 dsc_160910_081830 dsc_160910_081944 dsc_160910_083231 dsc_160910_08441914311353_1111989515520925_5913832236449101260_o

Gara internazionale e Campionato Italiano di specialità. Sono stati ammessi solo i migliori piazzati delle passate edizioni, più i qualificati dalle tappe 2016 ed alcuni atleti con titolo che hanno però dovuto attendere in waiting list, dato che il numero massimo dei selezionati è di 250. La gara è partita da Grado (GO) e attraversando 5 isole sabbiose da raggiungere a nuoto è terminata a Lignano Sabbiadoro (UD).

Solo 5 pugliesi ammessi alla prova, 3 atleti della MSL Lecce (Zongolo, De Maggio e Albanese), 1 del Cus Bari (Cazzato) e 1 di Triathlon Taranto, Fabio Leoni, il più esperto triathleta Tarantino nonché tecnico societario.

img-20160910-wa0032

Anche quest’anno il migliore dei pugliesi è stato Fabio Leoni. I totali 30 km di cui 25km di corsa e 5km di nuoto, in un susseguirsi di ben 17 frazioni tra nuoto e corsa, tra acque torbide, forti correnti, terreni sabbiosi o fangosi, meduse, nuvole di alghe galleggianti e 2 frangiflutti rocciosi da scavalcare, non hanno frenato il portacolori della Società tarantina, più volte Campione Regionale di Categoria nel Triathlon e 2 volte Campione NATO, dal terminare la gara con l’ottimo tempo di 3h34m che gli sono valsi il 20° posto assoluto, in una competizione riservata, come detto, solo ai big.

165a1da9a5a58946db7749f352ace713_m 14358643_1111998408853369_4688809477656426547_n

La conoscenza del percorso è stata utilissima per impostare meglio i ritmi e la gestione complessiva della gara consentendo un finale sempre in crescendo(questa la sua impressione).

14352287_1111998662186677_8122905594786004359_o

La gara vola via velocemente perchè sembra di vivere un’avventura. Gli obiettivi affrontati singolarmente non fanno sentire la reale lunghezza della gara.

 

 

Lascia un commento