Triathlon Camp Vieste

Conclusi i lavori del Vieste Triathlon Camp Zero Edition, un progetto  sviluppato dalla Multisport Eventi Vieste, presieduta da Michele Cavaliere, con la collaborazione tecnica di Foggia Triathlon ASD e la comunicazione di Gargano Eventi.

La 3 giorni di training condiviso ha visto oltre 25 atleti (di diversa esperienza specifica ed età) cimentarsi nelle diverse sedute. L’accoglienza presso il residence Degli Ulivi, sito sul litorale nord di Vieste, da giovedì sera a domenica pomeriggio, è stata eccezionale: sistemazione e location incantevole, cibo di prima categoria.

 

Dal venerdì sono cominciate le attività vere e proprie a cura dei tecnici FITRI Cristiano Furore (Foggia Triathlon ASD) e Fabio Leoni (Meridiana Triathlon Taranto).

La mattina con una zona cambio reale allestita, sono state spiegate e mostrate  le modalità sia di sistemazione delle attrezzature sia le manovre di conduzione bici all’interno di essa insieme alle diverse metodologie di salita in sella.

IMG-20160509-WA0002

A fine spiegazione un po’ di tempo dedicato alle prove di mount/dismount da parte degli atleti meno esperti. Dopo la ricognizione su un circuito bici tecnico di circa 8km, appositamente studiato con due strappi e tornanti in discesa, parzialmente presidiato, il menù tecnico ha previsto un multicombo Run/Bike senza soluzione di continuità composto da un 3x(2km corsa su pista di atletica + transizione in ZC + 8km percorso bici) finendo con 2 km di corsa finali.

Confermata la superiorità e l’impegno del testimonial del Camp Michele Insalata (Otrè Triathlon Noci) ma dietro di lui il belga Dimitri Gelders (Ironman belga da 10h 19min) in grande forma, non lo ha fatto per nulla annoiare.

IMG-20160508-WA0010IMG-20160509-WA0001

Molta gente alle prime armi ha provato l’ebrezza dei combinati e per alcuni è stato concesso parziale sconto sul lavoro programmato. Da segnalare la presenza in tutto il weekend di alcuni giovani rappresentanti under 18 della scuola Nuoto di Vieste, presieduta da Domenico Gentile (tesserato Foggia Triathlon ASD come l’organizzatore Michele Cavaliere) che coraggiosamente hanno deciso di fare questa bellissima esperienza multisportiva.

Nel pomeriggio la seduta di nuoto in acque libere (con muta) specificamente progettata da Fabio Leoni. Per l’occasione è stato allestito uno stand dell’Orca con possibilità di acquisto/noleggio di mute ed accessori vari. Un percorso a triangolo disegnato con 3 boe e tante esercitazioni tecniche nonostante il mare difficile. A fare l’andatura lo YB Luca Leoni tallonato da Michele Insalata e Dimitri Gelders.

IMG-20160508-WA0013 IMG-20160508-WA0008

Per finire in serata una lunga seduta di yoga e tecniche di respirazione e rilassamento a cura di Donatella Damato, maestra Ananda Yoga, decisamente necessaria ed apprezzata da tutti i partecipanti.  Purtroppo è saltata la sessione dedicata al mental coach originariamente prevista a cura di Vito Marzulli che per problemi familiari (brillantemente risolti) non ha potuto partecipare ai lavori.

Sabato mattina dedicato interamente alla tecnica di corsa ed al relativo potenziamento funzionale. Circa 2 ore di lavoro col coach Cristiano Furore con tanti suggerimenti per costruire e sviluppare le basi per una corretta tecnica di corsa, performante e sostenibile nel lungo periodo. Molti esercizi eseguiti scalzi sfruttando un bellissimo manto di erba sintetica all’interno della pista di atletica e tanti spunti di lavoro sui quali costruire la tecnica ideale…

20160507_102508

Nel pomeriggio ancora in riva al mare per un multilap nuoto/corsa, diviso in 3 blocchi composti ognuno di 3 frazioni (swim/run/swim), con stop e briefing ogni fine prova.

IMG-20160508-WA0011 IMG-20160506-WA0010

Una volta stabilite tutte le modalità anche i due coach hanno preso parte alla prova con la sicurezza in acqua gestita dai ragazzi (ed i cani) della Scuola di Salvamento Vieste sotto la supervisione di Domenico Gentile. Sono state simulate, per ogni blocco, le partenze in gruppo e l’uscita/entrata in acqua dopo corsa con muta in spiaggia. Il tutto si è trasformato in una prova ad intensità crescente in acqua in cui ha fatto sempre l’andatura Luca Leoni con a ruota Michele Insalata e il coach Fabio Leoni. Nella corsa finale Insalata ha avuto subito ragione dei due, padre e figlio, che lo seguivano appaiati, ma un errore di percorso lo ha fatto ritrovare alle spalle dei due. Poco male, i valori non si discutono, due risate e qualche ricordo di percorsi sbagliati a Vieste in passato per finire in grande allegria. Grande esperienza per tutti i presenti ed i neofiti di Foggia Triathlon con questa formula non sempre proponibile in piscina.

La serata è stata chiusa con l’incontro con il Dott. Atanasio De Meo nutrizionista sportivo (tra gli altri di Dario Santoro, campione italiano di maratona) che è durato oltre 90 minuti e ha dato la possibilità a tutti di poter valutare tanti aspetti del mondo dell’alimentazione.

Ultimo giorno domenica con uscita lunga di bici divisa in due parti.

IMG-20160509-WA0003

Primo giro da 40 km circa con arrivo a Peschici dalle strade interne e ritorno dalla litoranea con passaggio dal residence e capolinea per quelli meno allenati. Seconda parte con scalata della salita del Mandrione (17 km consecutivi completamente immersi nella Foresta Umbra) ed altro per un totale complessivo di 87 km e 2.300 m di dislivello. Il tutto si è concluso con una frazione opzionale di circa 6 km di corsa in progressione, per chi ancora se la sentiva.

L’offerta formativa di questa edizione zero è stata questa. La presenza degli atleti tra giovani e adulti ha avuto punte di 25 persone in alcune sedute, quelle in acqua le più gettonate.

La location eccezionale tra mare, montagna e foresta, non ha bisogno di nessuna presentazione.

20160505_162126 20160505_165748 20160508_154527

Si spera di aver incontrato l’apprezzamento dei partecipanti. Si ringraziano tutti i partecipanti, in primis l’organizzatore del progetto Michele Cavaliere e l’inesauribile lavoro dei coach presenti. Speciale ringraziamento al più volte Campione Italiano di categoria, Michele Insalata per la disponibilità e la professionalità dimostrata in ogni circostanza.

Unica cosa da rivedere il cibo, troppo alto il livello e la qualità che alla fine è difficile capire se tutte le calorie ingerite sono state spese in allenamento.

Lascia un commento